Pronto Soccorso – Lecco

PRONTO SOCCORSO - LECCO

Direttore
Dott. Luciano D’Angelo
l.dangelo@asst-lecco.it
0341.489690

Equipe:
Dott.ssa Cristina Lorini
Dott.ssa Emanuela Mozzanica
Dott. Mario Cerino
Dott. Antonio Ernesti
Dott. Fausto Gianola
Dott. Sergio Lambrughi
Dott. Claudio Scarazzati
Dott. Gianpaolo Schiavo
Dott. Valter Tantardini
Dott. Marco Tonini
Dott. Massimo Cazzaniga
Dott. Paolo Spreafico

Coordinatore infermieristico:
Donato Costadoni
d.costadoni@asst-lecco.it
 0341/489699

prontosoccorso_sito2

La Struttura di Pronto Soccorso Lecco si dedica all’assistenza alle persone che giungono in ospedale in condizioni cliniche di urgenza o emergenza. Tale funzione è assolta anche attraverso la permanenza in Pronto Soccorso dei pazienti che devono essere tenuti in osservazione per meglio definire la diagnosi o valutare l’efficacia di terapie somministrate. L’attività si svolge altresì attraverso una continua integrazione con le strutture territoriali dell’emergenza e con gli specialisti delle strutture ospedaliere.

Quale “vision”, la Struttura si pone di promuovere l’integrazione tra territorio e Ospedale nei percorsi dell’emergenza-urgenza; migliorare l’accoglienza delle persone che si rivolgono al Pronto Soccorso attraverso percorsi differenziati dall’assegnazione di codici colore; lo sviluppo dell’OBI; la lotta al dolore; il rafforzamento del ruolo nelle reti di patologia tempo dipendenti;  la reingegnerizzazione degli spazi e del layout del Pronto Soccorso.

ATTIVITA’ CLINICA:

La struttura prevede attività di Pronto Soccorso e Osservazione Breve.
L’attività di Pronto Soccorso è rivolta all’assistenza prestata a persone in condizioni cliniche acute o gravi e consiste in un rapido inquadramento diagnostico e nell’attuazione delle prime cure necessarie.
All’arrivo in Pronto Soccorso, nel punto di accoglienza, avviene la valutazione del livello di urgenza (Triage) e l’assegnazione di un codice-colore:
Rosso -> paziente molto critico/pericolo di vita, accesso immediato alle cure.
Giallo -> paziente critico, accesso rapido alle cure.
Verde -> paziente non critico, accesso alle cure successivamente ai due codici precedenti.
Bianco -> pazienti con problematiche di salute affrontabili ad altri livelli del Servizio Sanitario, accesso alle cure solo dopo aver risolto le altre urgenze presenti.
Al termine della visita e dell’eventuale attività di diagnosi e terapia, il medico può disporre il ricovero, la dimissione o il proseguimento della valutazione nell’Unità di Osservazione Breve annessa al Pronto Soccorso. In quest’area vengono accolti, per un periodo di norma non superiore alle 24 ore, i pazienti che necessitino di un definito programma di controlli o di cure per migliorare la sicurezza della dimissione o per stabilire l’effettiva necessità del ricovero. L’Unità di Osservazione Breve è dotata di otto posti letto, disposti in camere doppie, ciascuna con servizi dedicati. L’assistenza è prestata dal personale di medici ed infermieri del Pronto Soccorso.
Nel caso in cui non fosse disponibile posto letto nell’ambito dell’Ospedale o venisse riscontrata una patologia per la quale vi fosse indicazione a ricovero presso un reparto specialistico non presente ( ad esempio chirurgia maxillo-faciale ) il Medico di Pronto Soccorso disporrà il trasferimento protetto presso la struttura più idonea.

prontosoccorso_sito1

PUNTI DI FORZA:

La Struttura di PRONTO SOCCORSO dell’Ospedale di Lecco si caratterizza per :

1. Avvalersi di personale Medico ed Infermieristico dedicato, con specifica competenza nell’area dell’Urgenza/Emergenza;
2. Applicare linee guida e percorsi diagnostico/terapeutici validati, rilevanti e basati sull’evidenza;
3. Utilizzare un sistema informatizzato di gestione dei dati clinici ed amministrativi che consente l’archiviazione e l’analisi dei dati di attività;
4. Attuare un sistema capace di riconoscere e discriminare le diverse problematiche di salute in modo da  garantire un  accesso rapido ai pazienti che presentino patologie di gravità più elevata;
5. Garantire, nei limiti del possibile,  modalità di accesso preferenziali ,con tempi di attesa contenuti, per i bambini, gli anziani, i disabili ed i pazienti con problematiche psico-sociali;
6. Disporre dell’ Unità di Osservazione Breve  per la quale sono previsti percorsi di diagnosi e cura organizzati, piani assistenziali pre-definiti, sistema informatizzato di gestione dei dati con controllo ed analisi dell’attività;
7. Garantire una dimissione protetta grazie all’integrazione sempre maggiore tra l’Ospedale e le strutture della Medicina di Base e del Territorio e fornire al paziente un piano di cura pre-impostato attraverso l’accesso diretto ai Servizi ambulatoriali o di Day Hospital dell’Ospedale;
8. Garantire una valutazione clinica anche a coloro che non presentano patologie con caratteristiche cliniche di gravità  in tempi strettamente dipendenti dalle risorse disponibili;
9. Partecipare alla rete di rilevazione dell’abuso infantile;
10. Sviluppare l’utilizzo dell’ecografia in emergenza/urgenza;
11. Applicare le tecniche avanzate di monitoraggio dei parametri vitali nei soggetti più critici e sviluppare la ventilazione non invasiva nelle condizioni di distrees respiratorio;
12. Coltivare la cultura della lotta al dolore attraverso formazione, acquisizione di competenze specifiche, uso di strumentazione dedicate;
13. Partecipare in modo attivo alle Reti Ospedaliere di Patologia di Regione Lombardia per la gestione organizzata delle patologie tempo dipendenti (infarto miocardico acuto; ictus cerebrale; trauma grave; sepsi severa).