Open Day Ginecologia Oncologica

  • onda_post_giugno

Anche l’ASST di Lecco aderisce all’H-Open Day di Ginecologia Oncologica di Onda con consulenze telefoniche e Pap test per la prevenzione dei tumori ovarici

L’ASST di Lecco, centro di riferimento oncologico lombardo e terzo solo dopo INT e IEO per il trattamento tumore ovarico, aderisce, dedicando la giornata del prossimo 29 giugno, all’H-Open Day di Ginecologia Oncologica organizzato da Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere.
L’obiettivo dell’iniziativa è quello di promuovere la corretta informazione sulle strategie di prevenzione e sulle nuove possibilità terapeutiche che consentono di migliorare la qualità della vita delle pazienti nonché facilitare l’accesso alla diagnosi precoce nell’ambito dei principali tumori ginecologici a carico di utero e ovaie.

Vale la pena ricordare gli appuntamenti organizzati dall’ASST di Lecco in occasione di questa peculiare iniziativa nazionale.
All’Ospedale “A. Manzoni” di Lecco Tiziana Dell’Anna, responsabile dell’Unità Operativa Semplice di Ginecologia Oncologica, sarà a disposizione della popolazione femminile martedì 29 giugno, a partire dalle 10.00 fino alle 12.00, per consulenze e colloqui telefonici al numero di telefono 0341/489272 sul tema della prevenzione oncologica in ambito ginecologico (Pap Test, HPV Test, vaccinazione anti HPV, mutazioni BRCA e più in generale familiarità per tumori).
Anche i Consultori Familiari, impegnati sul fronte della prevenzione, sempre martedì 29 giugno, dalle 9.00 alle 12.00, eseguiranno esami di pap test gratuiti con uno dei metodi più innovativi ThinPrep. Gli esami verranno effettuati presso il Consultorio Familiare di Mandello, in Via degli Alpini 1, e non sarà necessaria la prenotazione

Paolo Favini, Direttore Generale ASST di Lecco
“Ancora una volta grazie ad Onda che attraverso la sua attività evidenzia l’importanza della medicina di genere. Ricordare alle donne che la diagnosi precoce consente di evidenziare il tumore in fase inziale, talvolta prima della comparsa dei sintomi, offrendo il vantaggio straordinario di giocare d’anticipo. Essa ci permette di iniziare le cure prima che il danno si aggravi, aumentando le possibilità di guarigione rendendo possibile l’esecuzione di interventi meno invasivi con impatto favorevole sulla qualità della vita delle pazienti”.

Tiziana Dell’Anna, ginecologa responsabile dell’Unità Operativa Semplice di Ginecologia Oncologica – Stefania Puggioni, ostetrica responsabile delle attività consultoriali in ambito Materno-Infantile ASST di Lecco
“Il pap test in fase liquida è un esame citologico più sofisticato rispetto a quello tradizionale, ha una maggiore sensibilità diagnostica e consente di effettuare, dove necessario, il test per la ricerca dell’HPV (Papilloma Virus) con un unico prelievo”.