DISABILITÀ NON AUTOSUFFICIENZA

DISABILITÀ NON AUTOSUFFICIENZA

La struttura gestisce coordina le iniziative e le attività inerenti l’attivazione dell’assistenza domiciliare, le misure sociosanitarie innovative in collaborazione con la rete dell’unità d’offerta sociosanitarie e gli uffici di piano/comuni, oltre altre attività inerenti l’area Disabilità.

Struttura Disabilità e Non Autosufficienza
sede: Via Tubi n.43 – Lecco
contatti: 0341/253240, 0341/253241

MISURA B1 – RESIDENZIALITA’ ASSISTITA – STATO VEGETATIVO:
Lunedì e giovedì dalle ore 9.00 alle ore 12.30 ed il mercoledì pomeriggio dalle ore 13.30 alle ore 15.30.
email: evm@asst-lecco.it

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA:
Da lunedì a venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.30
sede Lecco cead@asst-lecco.it – 0341/253240, 0341/253241
sede Merate cead.merate@asst-lecco.it – 039/9514525, 039/9514526

COLLEGIO PER L’ALUNNO DISABILE:
Email: disabili@asst-lecco.it – Telefono: 0341/253243 nei seguenti orari:
Martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.30 ed il mercoledì pomeriggio dalle ore 13.30 alle ore
15.30.

MISURA B1
Le persone riconosciute in gravissima disabilità ai sensi della D.G.R. 1253/19 possono accedere anche alla Misura integrativa prevista dalla Dgr 7549/17 Interventi a favore di persone con gravissime disabilità e in
condizioni di non autosufficienza” – ai sensi della Dgr 1253 del 11.02.19 – MISURA B1 ″.
La domanda può essere consegnata direttamente alla Struttura Disabilità Non Autosufficienza nei giorni sopra indicati.

RESIDENZIALITÀ ASSISTITA
Come indicato nella DGR 7769 del 17.01.2018, i destinatari sono anziani/fragili residenti in Lombardia al proprio domicilio, di età di norma pari o superiore ai 65 anni anche con patologie croniche stabilizzate, che si trovano in condizioni di difficoltà e/o isolamento per la mancanza di una rete in grado di fornire un adeguato supporto al domicilio e che necessitano di supervisione/care management e di prestazioni sociosanitarie in un ambiente di tipo famigliare o socializzante.
Per la misura è prevista l’erogazione di specifiche prestazioni alle quali è attribuito un valore di voucher.
La domanda può essere consegnata direttamente alla Struttura Disabilità Non Autosufficienza nei giorni sopra indicati.

MODULISTICA
Domanda di valutazione
Consenso informato

STATO VEGETATIVO
Come indicato nella DGR 2124 del 04.08.2011 e DGR 4222 del 25.10.2012, la Struttura di riabilitazione che ha in carico la persona in stato vegetativo successivamente alla fase acuta e riabilitativa, deve rivolgersi telefonicamente o personalmente alla Struttura Disabilità Non Autosufficienza nei giorni indicati.

COLLEGIO PER L’ALUNNO DISABILE
La legge 289/02 all’art. 35, comma 7 e il DPCM 23 febbraio 2006 n. 185, hanno previsto nuove modalità e criteri per l’individuazione dell’alunno con handicap ai fini dell’integrazione scolastica.
In particolare è stato determinato che:
– si provveda all’individuazione dell’alunno con handicap attraverso un accertamento collegiale la cui titolarità è delle Aziende Socio-Sanitarie Territoriali;
– l’alunno deve avere già effettuato un inquadramento diagnostico e funzionale dal quale sia emersa la presenza di una situazione di disabilità associata alla necessità di garantire supporti all’integrazione
scolastica.

L’accertamento è effettuato dal collegio istituito dall’ASST collocato nel Servizio Disabilità e non autosufficienza, presso la sede di Via Tubi 43, Lecco.
Il collegio è costituito da un’equipe, dell’Azienda Socio- Sanitaria Territoriale, multi-disciplinare composta da:
– un neuropsichiatra infantile appartenente all’Unità Operative di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza;
– uno psicologo;
– un assistente sociale.

È opportuno segnalare che il percorso di integrazione scolastica della persona con disabilità non si esaurisce con l’accertamento che invece costituisce il primo passo a garanzia del diritto allo studio delle persone disabili. Il Collegio ha infatti la funzione di accertare la disabilità ed il conseguente diritto soggettivo ad usufruire di supporti per l’integrazione scolastica. Sarà poi il servizio che ha in carico il ragazzo, in base al risultato dell’accertamento, a indicare/concordare con famiglia e scuola la tipologia dei supporti più opportuni, farsi garante dei successivi adempimenti e fornire la consulenza alla scuola.

Modalità di presentazione della domanda:
Utilizzare il modello allegato scaricabile in questa pagina (DOMANDA ACCERTAMENTO ALUNNO DISABILE).
Si precisa che la domanda deve essere presentata dal genitore/tutore, al collegio della ASST di residenza.

La domanda deve essere corredata da:
– certificazione con definizione della patologia, classificata con l’ICD-10 multi assiale o in subordine l’ICD9-CM, nonché con indicazione se trattasi di patologia stabilizzata o progressiva; tale certificazione deve essere
redatta da un medico di struttura pubblica accreditata, specialista nella branca di pertinenza della patologia rilevata.
In caso di patologia psichica la certificazione può essere redatta dallo psicologo di strutture
pubbliche per l’infanzia e l’adolescenza;
– relazione clinica funzionale sintetica, contenente i dati richiesti nel modello di domanda, che deve essere rilasciata da medico di struttura pubblica o privata accreditata, specialista nella branca di pertinenza della
patologia rilevata.

La domanda può essere presentata agli uffici Protocollo sotto riportati.
Nella redazione della certificazione e della relazione sintetica funzionale, le strutture pubbliche possono anche avvalersi di documentazione specialistica prodotta dall’utente. Il richiedente l’accertamento può inoltre presentare altra documentazione ritenuta utile ad un maggior approfondimento (verbale L. 104/92, test, esami diagnostici ecc.).
Si ricorda che la presenza di una diagnosi codificata in ICD10 o in subordine in ICD9CM è elemento necessario, ma non sufficiente per il riconoscimento della disabilità ai fini dell’integrazione scolastica. È indispensabile la contemporanea presenza di un quadro funzionale che evidenzi lo ‘stato’ di persona disabile secondo quanto indicato dall’articolo 3 della L.104. Al termine dell’accertamento fatto dal collegio in presenza del minore verrà rilasciato un verbale. È facoltà del richiedente sottoporre il verbale al collegio del riesame costituito presso la ASST di Lecco entro
il termine di 30 giorni.

Per informazioni deve rivolgersi telefonicamente o personalmente alla Struttura Disabilità Non Autosufficienza nei giorni sopra indicati.

MODULISTICA
Domanda accertamento alunno disabile
Domanda riesame per l’individuazione dell’alunno con handicap

PROTOCOLLI – orari e recapiti (solo per Collegio Alunno con disabilità):
Protocollo e Segreteria Lecco: Via G. Tubi, 43
Tel. 0341 482437 / Fax 0341 482403
Indirizzo email: direzionedistretti@pec.asst-lecco.it
dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00 ale ore 12.00 e dalle ore 14.00 alle ore16.00

ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI)
L’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) consiste nell’erogazione di interventi finalizzati a favorire la permanenza delle persone con necessità sanitarie – assistenziali nel loro ambiente di vita, evitando
l’ospedalizzazione e consentendo loro una soddisfacente vita di relazione attraverso un complesso di prestazioni socio-assistenziali e sanitarie.
Il destinatario degli interventi si rivolge al proprio medico curante che predispone la richiesta cartacea. L’utente consegna la richiesta prescritta dal medico di medicina generale presso il Centro per l’Assistenza
Domiciliare che effettua le verifiche di appropriatezza ed attiva la valutazione anche con visita domiciliare, ed assegna il relativo “profilo voucher”.
Per l’attivazione deve rivolgersi telefonicamente o personalmente alla Struttura Disabilità Non Autosufficienza nei giorni sopra indicati.