CARDIOLOGIA - MERATE

La finalità principale della Struttura di Cardiologia Merate è quella di fornire una risposta adeguata e percorsi diagnostico terapeutici appropriati ai pazienti con malattie dell’apparato cardiovascolare, quali la cardiopatia ischemica, l’insufficienza cardiaca e le aritmie cardiache, con manifestazioni acute, croniche ed in condizioni di emergenza/urgenza. In collaborazione con la Cardiochirurgia viene garantita la possibilità di gestire i casi di interesse cardiochirurgico nell’ambito aziendale.

Quale “vision”, la Struttura si propone di potenziare la collaborazione con il territorio per la cura di patologie croniche come lo scompenso cardiaco; di potenziare l’attenzione alle malattie del pericardio nel cui ambito ha sviluppato linee di ricerca clinica; di mantenere una collaborazione strutturata con la Cardiologia di Lecco per le procedure invasive.

cardio_m_sito2

ATTIVITA’ CLINICA:

  • attività di Degenza ordinaria
  • attività di Degenza in Unità di Cura Coronarica
  • attività di Day-Hospital, dedicata prevalentemente a pazienti  che richiedono
    • cardioversione elettrica e sostituzione / revisione pace-maker
    • trattamento farmacologico e riabilitativo dell’insufficienza cardiaca avanzata
    • procedure diagnostiche invasive su cuore destro
  • attività ambulatoriale con visite di I e II livello
  • attività ambulatoriale e attività di consulenza per interni
  • attività di diagnostica cardiologica non invasiva di I e II livello
  • attività di elettrofisiologia e cardiostimolazione
  • attività di emodinamica e cardiologia interventistica (in collaborazione con Emodinamica  della Struttura Complessa Cardiologia di Lecco)
cardio_m_sito1

PUNTI DI FORZA:

La Struttura si occupa prevalentemente di:

  1. Trattamento della Cardiopatia Ischemica in forma sia acuta, sia cronica, con particolare riferimento alla gestione delle sindromi coronariche acute (infarto miocardico acuto e angina instabile) attuando ove indicato procedure di rivascolarizzazione miocardica meccanica (angioplastica coronarica) anche in regime di urgenza.
  2. Elettrostimolazione cardiaca provvisoria e definitiva utilizzando tecniche all’avanguardia sia per la gestione delle bradiaritmie convenzionali,  sia per l’attuazione della prevenzione della morte improvvisa,  sia (in particolare) nella gestione della   CRT (terapia di resincronizzazione) in soggetti con insufficienza cardiaca avanzata.
  3. Trattamento integrato e ottimizzato dei pazienti che non necessitano ricovero in   degenza continuativa, mediante follow-up in Ambulatorio o Day Hospital e nei Laboratori di Ecocardiografia Integrato ed Ergometria, applicabile a tutti i quadri clinici cronici o semiurgenti che non si accompagnano a severo e prevedibile rischio di vita e quindi non richiedano osservazione continuativa.
  4. Trattamento Acuto e follow-up attivo della Insufficienza Cardiaca refrattaria e/o avanzata con l’obiettivo di garantire ai pazienti, con Scompenso Cardiaco: diagnosi eziologica, stratificazione prognostica, ottimizzazione terapeutica, ma soprattutto continuità assistenziale in tutte le fasi della malattia, attraverso l’utilizzo di degenza intensiva, sub-intensiva monitorata, follow-up ambulatoriale  attivo  secondo protocolli internazionali condivisi con i medici di Medicina Generale .
  5. Riabilitazione cardiologica svolta in regime di Day Hospital e rivolta a pazienti recentemente sottoposti ad interventi di cardiochirurgia (by-pass aorto coronarico o sostituzione valvolare) o nel postinfarto in pazienti ad alto rischio.

Opera, all’interno della Struttura di Cardiologia, la Struttura Semplice di:

U.O.S. Unità di cura intensiva coronarica

U.O.S. Unità di cura intensiva coronarica che tratta, in posti letto monitorati, pazienti affetti da patologie dell’apparato cardiovascolare in condizioni di emergenza urgenza, con sindromi coronariche acute, scompenso congestizio acuto (edema polmonare e shock), con turbe del ritmo, con insufficienza respiratoria mista, sottoposti ad ultra filtrazione, pericardiocentesi, terapia ventilatoria assistita con CPAP, stimolazione cardiaca endocavitaria. Le competenze si estendono alla gestione di patologie spesso associate alla cardiopatia.